Picoproiettori e iPhone: creare un Home Theater per meno di 50€

di Melablog

Ci siamo domandati: è possibile creare un sistema di discreto Home Theater per meno di 50€? Ecco cosa vi serve per trasformare il salotto di casa in un cinema senza spendere cifre proibitive.


Aggiornamento del 6 dicembre 2018

Ci siamo domandati: è possibile creare un sistema accettabile di Home Theater per meno di 50€? Abbiamo provato qualche picopriettore, e i risultati sono stati molto interessanti. Ecco cosa vi serve per trasformare il salotto di casa in un cinema senza spendere cifre proibitive.

Lo scopo che ci eravamo dati era semplice: creare un sistema di Home Theater utilizzabile con iPhone e Mac, possibilmente senza fili e con un grado adeguato di qualità. Il tutto restando abbondantemente sotto i 100€. E possiamo anticiparvi che ci siamo riusciti.

Il PicoProiettore

È da anni che monitoriamo i prodotti in uscita nel settore, e in generale abbiamo notato un costante abbassamento dei prezzi a cui corrispondeva un'innalzamento della qualità. Ma solo negli ultimi tempi abbiamo finalmente scorto il giusto rapporto tra prezzo e prestazioni, in particolare con picoproiettori a LED, che garantiscono una maggiore luminosità rispetto alle tradizionali tecnologie a lampada.

Abbiamo scelto per i test il proiettore DBPower T20, che trovate in offerta su Amazon a 49€ comprese spedizioni.

Dalla sua ha un sistema di proiezione a LED da 1.500 Lumen e contrasto 1000:1; la risoluzione nativa è 800x480 pixel, ma potete dargli in pasto file video fino a 1080p: verranno scalati automaticamente. Completano la dotazione cavo HDMI, telecomando, cavo video composito, due USB, jack cuffie, slot SD, porte VGA e HDMI.

Test Eseguiti

Abbiamo collegato il T20 ad una Apple TV che avevamo in Redazione, così da sfruttarlo in modalità senza fili. Poi, abbiamo provato anche un Mac mini, e un iPad attraverso un economico connettore Lightning-HDMI comprato per l'occasione a 11,99€ su Amazon. In tutti i casi, non abbiamo avuto inconvenienti: i collegamenti hanno funzionato subito e stabilmente.

La parete era posta a una distanza di circa 4 metri dal proiettore, superiore ai 2,5 metri consigliati dal produttore ma comunque inferiore ai 5 metri delle specifiche massime. Nonostante questo, il nostro giudizio è largamente positivo. E intendiamoci, non siamo certamente ai livelli di un prodotto professionale da centinaia (migliaia?) di Euro, ma è comunque un gingillo che vi darà soddisfazioni.

Il Verdetto

Si può creare un Home Theater per meno di 50€ che dia un'esperienza decente? La risposta è certamente sì, a patto di tenere a mente alcuni limiti:

Costi: Si resta sotto i 50€ solo se possedete già un'Apple TV, un Mac mini, o un altro computer da collegare via HDMI. In alternativa, con pochi Euro si compra un adattatore per iPhone, ma si perde l'esperienza senza fili. In questo caso, potrebbe valere la pena di infilare i film su una pennetta USB e goderseli dal divano sfruttando il telecomando in dotazione; in quest'ultimo caso, però, occorrerebbe valutare la qualità (nel senso dei codec supportati) del motore di decodifica integrato, che esula dagli scopi di questa guida.

Rumore: Sebbene il dispositivo sia dotato di un sistema di raffreddamento di nuovo tipo, le ventole producono un ronzio percettibile. Tuttavia, basta premere play, per dimenticarsene.

Scenari Consigliati: Questa classe di dispositivi si presta bene ad un ambiente familiare, per riproduzioni al volo o partite ai videogiochi, ma solo in ambienti parecchio o completamente bui. Dimenticate di portarlo a lavoro per presentazioni in PowerPoint o Keynote. La risoluzione non basterebbe per avere un'adeguata leggibilità. Il T20 è perfetto per vedere tutti insieme il film delle vacanze, per intrattenere uno stuolo di bambini a una festa, o per togliersi lo sfizio del grande schermo senza muoversi di casa. In quest'ultimo caso, però, è d'obbligo il collegamento ad un sistema adeguato di casse esterne.

Prodotti Utilizzati per i Test:

E per chi cercasse qualcosa in più, ecco qualche picoproiettore più performante:

Let's block ads! (Why?)

Continua a leggere su Melablog
ultimo aggiornamento: 06/12/2018 05:38:07